Quali articoli condividi veramente?

Home  /  Blog & Storytelling  /  Quali articoli condividi veramente?

Ti sei mai chiesto quali articoli condividi veramente?
In generale cosa ti piace mostrare o far leggere agli amici? Condividere è alla base del blogging, ma spesso la quantità (numeri di condivisioni e like) non corrisponde alla qualità (lettori interessati a ciò di cui parli).

Preferisci passare per un tipo sempre sul “pezzo”, attento agli argomenti del giorno o magari sei più per CHI-MI-AMA-MI-SEGUA, a prescindere da ciò che condivido?

La maggior parte di  noi condivide il titolo dell’articolo o del post di Facebook che trova. Non legge nemmeno l’articolo. La durata di permanenza media su moltissimi articoli condivisi migliaia di volte è bassa.
Il maggior numero di condivisioni corrisponde a un tempo minimo trascorso sull’articolo. Anzi, una gran quantità di share arriva quando il tempo trascorso sul post è quasi zero. Questo dimostra due cose.
Uno. Bisogna avere un buon titolo. Due. Bisogna analizzare i dati di permanenza sul tuo blog.

Per approfondire:
5 Regole per scrivere un buon articolo.

 

Spesso le condivisioni non riguardano l’articolo in sé, ma la persona a cui lo condividiamo.
Sappiamo che a lei/lui interesserà, leggiamo il titolo e click. Condiviso.
Bene, ottimo per i blogger. Ok, ma lo leggerà? O riderà perché l’argomento è quello di cui avevate parlato la sera prima e quindi si limiterà al like e a mandarti uno smile con l’occhiolino per farti capire che ha capito?

Dipende dai contenuti.
Ok, giusto. Nell’anno appena trascorso ci sono stati due casi per cui grandi blogger hanno fatto il boom di condivisioni. Il caso Moncler,
che ha deciso di incassare dagli utenti sui social miriadi di insulti dopo i servizi televisivi sul modo in cui riempivano i loro pregiati piumini, e il caso, molto più social, del famoso abito nero o oro, che ci ha fatto dare del daltonico a chiunque.
Cavalcare l’onda e ottenere numeri su contenuti diventati virali può essere una tattica, ma non dimentichiamoci che un buon content marketer deve aspirare alla creare contenuti di qualità e più originali possibili.

In conclusione, il numero delle condivisioni non è inutile: è un indicatore.
Il successo di un articolo non si misura dallo share counter. Anzi, non credo neanche all’idea di “articolo di successo”.
Io voglio puntare sul progetto, su una visione totale del blog, non sul singolo post. E’ qui che l’anima da scrittore prevale sul marketer, solo un po’.

Meglio avere un articolo di successo, ricco di condivisioni, o un blog capace di trasformare i visitatori in clienti? Io dico che il secondo punto è più importante, ma spesso (non sempre) i punti sono collegati: buone condivisioni permettono di raggiungere le persone giuste. 
Per raggiungere bisogna essere organizzati e programmare. 
Ecco perché la prossima volta parleremo del Piano Editoriale per il tuo Blog.

Vuoi saperne di più sul mondo dei Blog?
Vorresti aprire un Blog e non sai come fare?
Iscriviti alla newsletter. 

buttonScopridipiù-01

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *