Differenza fra i formati immagine: Jpg o Png

Home  /  Web Design  /  Differenza fra i formati immagine: Jpg o Png

Quando ci troviamo davanti al nostro computer e per esempio abbiamo terminato di realizzare un logo, al momento di salvarlo ci troviamo davanti ad un dilemma: JPG o PNG? se devo caricare il mio logo dentro un sito web come dovrò salvarlo per essere ottimale? Se il mio logo dovrò posizionarlo dentro un biglietto da visita come andrà salvato? E se devo caricarlo su Facebook come avatar?

Partiamo dal presupposto che dire JPG o dire PNG significa parlare di formati immagine e di formati compressi, quindi leggeri e facili da utilizzare sia nel web che nella stampa di impaginati di piccole dimensioni.

Il formato .jpg è usato prevalentemente per le fotografie ed è sconsigliato per testi, disegni geometrici o icone e non supporta la trasparenza (quindi quando viene salvato noterete uno sfondo sempre bianco dietro). Il formato .png, al contrario, è un formato che si presta perfettamente per essere utilizzato su disegni geometrici, icone o loghi. I “contro” di questo formato sono che non può essere animato ed è inadatto per immagini di grandi dimensioni, il “pro” è che supporta la trasparenza (quando viene salvato ed importato su un altro documento non ha lo sfondo bianco dietro).

Ma cosa si intende di preciso e come può esserci utile?

Guardiamo insieme questo esempio:

jpgPNG

Come potete subito notare entrambi i loghi sono stati inseriti dentro uno sfondo arancione che potrebbe essere lo sfondo di un biglietto da visita o dell’Header di un sito web o di una copertina per una fanpage di Facebook, ma nel primo caso il logo è stato inserito come formato .jpg che abbiamo detto poco prima non supporta la trasparenza e di conseguenza lo sfondo sarà sempre bianco. Nel secondo caso il logo è stato inserito come formato .png, che si presta perfettamente per loghi e forme di ogni tipo, per essere capace di “bucare” lo sfondo e far risaltare il colore che vi è sotto.

Questo significa che ogni volta che non avete a disposizione il file originale e nativo di un logo o di un disegno vettoriale, perchè non l’avete creato voi e magari non vi viene inviato da altri grafici o aziende, dovrete andare a richiedere il formato .png che vi permette di stare sicuri che quel logo o disegno supporterà i colori e gli sfondi della tavola di disegno nella quale verrà importato.

Ricapitoliamo tramite una lista in quali casi è meglio utilizzare un formato .jpg piuttosto che .png:

  1. Fotografie da caricare sul sito web o da stampare: Formato .jpg
  2. Logo o icona: Se non si è in possesso del file nativo e vettoriale utilizzare e richiedere il formato .png
  3. Immagine animata: Nessuno dei due formati, perchè non supportano animazioni.
  4. Logo da inserire su un biglietto da visita o stampato: Se non si è in possesso del file nativo e vettoriale utilizzare e richiedere il formato .png
  5. Logo da inserire sui Social Network: Se il logo va inserito all’interno di una grafica piena di colori e va lavorato è preferibile il formato .png. Se al contrario deve semplicemente essere condiviso come singola immagine o inserito come Avatar può andare bene il formato .jpg

Vi lascio una simpaticissima ed utile infografica americana che approfondisce le differenze tra Jpg vs Png

jpgpng2

By Design Taxi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *