RGB vs CMYK: Salvare le immagini per il Web

Home  /  Web Design  /  RGB vs CMYK: Salvare le immagini per il Web

Oggi parleremo di RGB vs CMYK, come salvare le immagini per il Web.

Giovani appassionati di grafica o fotografia da oggi inizia una nuova rubrica: “Lo sapevate che..?”.

Mi occupo di grafica dal 2009 e a tutt’oggi mi capita di dovere far fronte insieme ai miei colleghi a dei piccoli e fastidiosi ostacoli che si presentano nella vita lavorativa di tutti i giorni. Mi riferisco proprio a quei piccoli problemi apparentemente scontati che si presentano quando non prestiamo attenzione a come potevamo fare per evitarli fin dall’inizio!

La rubrica viene incontro a tutti i grafici alle prime armi con Photoshop o Illustrator e cerca di risolvere le difficoltà quoditidane del mestiere che non permettono di completare il lavoro per come lo si era immaginato!
Vi siete mai chiesti come mai ogni volta che lavorate un’immagine con Photoshop (ad esempio una locandina o un post grafico da piazzare su Facebook) lo salvate e poi lo caricate online (ad esempio sempre  su Facebook) succede che l’immagine ed i suoi colori si vedano completamente diversi da quelli che vedevate poco prima sul vostro programma grafico? Si vedranno più brillanti e luminosi, non rispecchiano completamente il vostro lavoro!

Cosa sarà successo? Sarà mica impazzito Facebook?! Perchè vedo che i colori cambiano?

Tranquilli! Lo sapevate che ogni volta che si carica un’immagine sul web, questa va prima salvata con il corretto metodo colore? Il metodo colore giusto per il web è l’RGB che rappresenta l’acronimo di Red, Green e Blue (rosso, verde e blu) ed è un metodo di colore a 3 canali di tipo “additivo” utilizzato esclusivamente per il salvataggio delle immagini per il Web. I formati più utilizzati per l’RGB sono il .jpg ed il .png .

Quando, invece, volete creare una locandina che deve essere poi stampata va utilizzato il metodo colore CMYK che rappresenta l’acronimo per Cyan, Magenta, Yellow (ciano, magenta, giallo) ed è un metodo di colore a 4 canali. La “K” sta per key (chiave) in quanto i sistemi di stampa che utilizzano questo modello si basano sull’impiego di una tecnologia tramite la quale, mediante una “key plate” (lastra chiave), allineano correttamente le lastre degli altri tre colori e ne generano di nuovi tramite l’utilizzo del nero.

Per questo motivo la conversione da RGB a CMYK può portare a cambiamenti anche notevoli dei colori visti su monitor. L’RGB mantiene colori più brillanti e luminosi, il metodo CMYK, al contrario, li fa percepire più scuri e meno saturi.

Quando salviamo un’immagine per il web dobbiamo impostare fin dall’inizio il metodo colore RGB. Vediamo come!

Aprite Photoshop (qualsiasi versione!) e andate su Immagine->Metodo->RGB :

Conversione-metodo-colore

Una volta impostato il metodo colore siamo pronti per salvare la nostra immagine! Quindi andiamo su File-> Salva per Web:

salva-per-web-photoshop[3]

Si aprirà una pop up in cui potrete scegliere tra formato .jpg o formato .png (entrambi formati a bassa risoluzione e compressi). Il jpg viene utilizzato maggiormente per le immagini fotografiche, il png per le immagini in cui la maggior parte della grafica inserita è vettoriale!

Clicchiamo su Salva con nome e siamo pronti per caricare la nostra immagine sul nostro sito web o sui nostri canali social!

Ma… stiamo a vedere cosa succede quando per errore sbagliamo! Ecco un esempio in questo video!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *